Ricerca

Profilo utente

Si richiede la registrazione per accedere ad alcune funzionalità.

Entra col tuo profilo

Registrati

L'obbligo di informativa dell'avvocato ex art. 4, comma 3, d.lgs. 28/2010 è limitato alle controversie per le quali la mediazione è possibile


Il Trib. Varese, 9 aprile 2010 ha puntualizzato che, nelle controversie aventi ad oggetto le modifiche delle condizioni di separazione, ai sensi dell'art. 710 c.p.c., poiché involgenti una lite giudiziaria per la quale non è previsto accesso (anche facoltativo) al procedimento di mediazione di cui al d.lg. n. 28 del 2010, non sussiste obbligo per i difensori di rendere l'informativa di cui all'art. 4 comma 3 e, conseguentemente, non sussiste altresì alcun obbligo del giudice, in caso di omessa informativa, di provvedere in supplenza. L'obbligo informativo dell'avvocato deve infatti ritenersi sussistente solo se la lite insorta tra le parti rientri nel novero di controversie per le quali sia possibile l'attività (facoltativa, obbligatoria o su impulso giudiziale) dei mediatori.

Allegati scaricabili

Nessun file disponibile

Oggi in laboratorio

Dicembre 2018

D L M M G V S
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Vedi tutti gli eventi di formazione o didattica.