Illegittima l'obbligatorietà della mediazione: pubblicata la sentenza della Corte costituzionale

Attenzione: apre in una nuova finestra. StampaE-mail

La Corte costituzionale, 6 dicembre 2012, n. 272 ha dichiarato la illegittimità costituzionale, per eccesso di delega legislativa, del d.lgs. 4 marzo 2010, n.28 nella parte in cui ha previsto il carattere obbligatorio della mediazione.

Il particolare, la consulta ha dichiarato:

1) l’illegittimità costituzionale dell’articolo 5, comma 1, del decreto legislativo 4 marzo 2010, n. 28 (Attuazione dell’articolo 60 della  legge 18 giugno 2009, n. 69, in materia di mediazione finalizzata alla  conciliazione delle controversie civili e commerciali);

2) in via consequenziale, ai sensi dell’art. 27 della legge 11 marzo 1953, n. 87 (Norme sulla costituzione e sul funzionamento della Corte costituzionale), l’illegittimità costituzionale:

a) dell’art. 4, comma 3, del  decreto legislativo n. 28 del 2010, limitatamente al secondo periodo («L’ avvocato informa altresì l’assistito dei casi in cui l’esperimento del procedimento di mediazione è condizione di procedibilità della domanda giudiziale») e al sesto periodo, limitatamente alla frase «se non provvede ai sensi dell’articolo 5, comma 1»;

b) dell’art. 5, comma 2, primo periodo, del detto decreto legislativo, limitatamente alle parole «Fermo quanto previsto dal  comma 1 e»,

c) dell’art. 5, comma 4, del detto decreto legislativo, limitatamente alle parole «I commi 1 e»;

d) dell’art. 5, comma 5 del detto decreto legislativo, limitatamente alle parole «Fermo quanto previsto dal comma 1 e»;

e) dell’art. 6, comma 2, del detto decreto legislativo, limitatamente alla frase «e, anche nei casi in cui il giudice dispone il rinvio della causa  ai sensi del quarto o del quinto periodo del comma 1 dell’articolo cinque,»;

f) dell’art. 7 del detto decreto legislativo, limitatamente alla frase «e il periodo del rinvio disposto dal giudice ai sensi dell’art. 5, comma 1»;

g) dello stesso articolo 7 nella parte in cui usa il verbo «computano» anziché  «computa»;

h) dell’art. 8, comma 5, del detto decreto legislativo;

i) dell’art. 11, comma 1, del detto decreto legislativo, limitatamente al periodo «Prima della formulazione della proposta, il mediatore informa le parti delle possibili conseguenze di cui all’art. 13»;

l) dell’intero art. 13 del detto  decreto legislativo, escluso il periodo «resta ferma l’applicabilità degli articoli 92 e 96 del codice di procedura civile»;

m) dell’art. 17, comma 4, lettera d), del detto decreto legislativo;

n) dell’art. 17, comma 5, del detto decreto legislativo;

o) dell’art. 24 del detto decreto legislativo.

Leggi il testo integrale di

Corte cost., 6 dicembre 2012, n. 272

D. Lgs., 4 marzo 2010, n. 28 come modificato a seguito della pronuncia della Corte Cost., n. 272/2012.