Prossimi eventi - lab

Nessun evento

Calendario attività

Ottobre 2014
L M M G V S D
29 30 1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31 1 2

In evidenza

  • 25.10.14 Osservatorio sul Danno alla Persona >> In evidenza

    Tribunale di Padova, sent. 7 febbraio 2014

     Tribunale di Trento, sent. 13 giugno 2014

    Come recita il titolo di un celebre film: “I figli... so' pezzi 'e core”. E’ innegabile che quando, a causa di un altrui fatto illecito, il proprio figlio arrivi a rischiare la vita, i genitori subiscano un elevato grado di stress, ansia e sofferenza morale legato alla paura di perdere il proprio bambino.

    E’questa una posta di danno risarcibile?

    Dipende dal Giudice adito dovremmo rispondere, dal momento che due pronunce, rispettivamente, del  Tribunale di Padova e del Tribunale di Trento paiono pensarla in modo radicalmente opposto.

    Leggi tutto...
  • 25.10.14 Osservatorio sul Danno alla Persona >> In evidenza

    Tribunale di Milano 17 luglio 2014

    Il tribunale di Milano con la sentenza in commento rimette in discussione l’inquadramento del sistema della responsabilità civile da errore medico a seguito della c.d. legge Balduzzi (L 189/2012) che è stata oggetto secondo l’estensore di «diverse opzioni interpretative e di applicazioni giurisprudenziali non sempre convincenti».

    Leggi tutto...
  • 01.10.14 Osservatorio sul Danno alla Persona >> In evidenza

    Cass. 16133/2014

    Nella sentenza in commento la Suprema Corte viene nuovamente chiamata a pronunciarsi sui limiti della risarcibilità del danno non patrimoniale quando derivi da una previsione legislativa ad hoc; l’accertamento della gravità della lesione e la serietà del danno sono comunque passaggi necessari?

    La vicenda prende avvio da un ricorso proposto ex art. 152 del D.lgs. 196/2003 da due ex studenti specializzati appartenenti all’Ente intimato, i quali ritenevano che la condotta della convenuta, che aveva pubblicato on line alcuni significativi dati personali degli interessati, avesse violato il loro diritto alla riservatezza e dunque integrasse un illecito trattamento dei dati personali. In particolare, durante il giudizio veniva fornita la prova della facile reperibilità delle generalità dei ricorrenti da parte di tutti gli utenti di internet e ciò grazie ad un file excel pubblicato dall’Università convenuta. Il Tribunale di Roma accoglieva la domanda e disponeva la cancellazione dal web dei dati personali ed identificativi dei ricorrenti e condannava l’Università al risarcimento dei danni non patrimoniali patiti dagli stessi quantificati in € 3.000,00 ciascuno.

    Leggi tutto...
  • 29.09.14 Osservatorio sul Danno alla Persona >> In evidenza

    Tribunale di Palermo, sez. I, 19.03.2014 n. 1579 

    Con la pronuncia in commento la Corte di Palermo si trova a decidere in ordine alla domanda di risarcimento del danno (espressamente definito esistenziale e morale) formulata nei confronti dell'Ospedale convenuto dalla donna che ivi si era vista erroneamente diagnosticare una pleurite neoplastica bilaterale ed una pericardite da carcinoma renale sinistro in fase metastatica.

    Leggi tutto...
  • 29.09.14 Osservatorio sul Danno alla Persona >> In evidenza

    Attraverso i genitori “il fanciullo rinviene il grimaldello che lo traghetta dal cantuccio familiare al tessuto sociale

    Tribunale di Milano, sez. IX, 23 luglio 2014 

    Con la sentenza in commento, il Tribunale di Milano decide in merito alla domanda presentata da parte attrice, in proprio ed in nome e nell'interesse della figlia ancora minorenne, nei confronti dell'ex compagno e padre di quest'ultima, al fine di vederlo condannare al versamento di un contributo periodico per il mantenimento della figlia, alla refusione delle spese anticipate dalla madre a tale titolo per tutto il periodo intercorso tra la fine della loro relazione e la sentenza (circa 14 anni) e, infine, al risarcimento, in favore della figlia, del danno non patrimoniale alla stessa dall'uomo arrecato con il suo abbandono.

    Leggi tutto...

Pubblicato l'Osservatorio della giurisprudenza in materia di danno alla persona

9 Dicembre 2013 di Luca Nocco in Osservatorio sul Danno alla Persona > In evidenza

E' stato pubblicato, sul numero 12/2013 di "Danno e responsabilità", l'Osservatorio della giurisprudenza in materia di danno alla persona.

L'opera, elaborata con il contributo dei collaboratori dell'Osservatorio, si inserisce nelle consolidate linee di ricerca affrontate in seno all'Osservatorio stesso e costituisce un aggiornamento dell'analoga ricerca apparsa due anni e mezzo fa sulla stessa Rivista (http://www.lider-lab.sssup.it/lider/it/odp/in-evidenza/280-speciale-dellosservatorio-sul-danno-alla-persona.html) e delle precedenti pubblicazioni dell'Osservatorio (fra cui Aa.Vv., Osservatorio della giurisprudenza in tema di danno alla persona, in Danno e responsabilità, 2007, 353 e ss. e A. D’Angelo, G. Comandé, D. Amram (a cura di), La liquidazione del danno alla persona, Milano, Il Sole 24 Ore, 2010).

Lo scopo della pubblicazione è quello di tenere costantemente monitorato un settore in perenne fermento legislativo e giurisprudenziale, oltre che dottrinale, attraverso l’archiviazione dei dati giurisprudenziali più rilevanti nel database dell’Osservatorio, gratuitamente consultabile previa registrazione al sito, nel quale sono reperibili, fra le altre, tutte le pronunce citate nel presente studio.

 

Il danno da perdita da chance non spetta ai prossimi congiunti.

2 Dicembre 2013 di Giovanni Pagano in Osservatorio sul Danno alla Persona > In evidenza

Tribunale di Cremona, sezione civile speciale, ordinanza del 24.10.2013 n. 542

Non sempre i provvedimenti di rigetto sono negativi. A volte, come nel caso di specie, risultano estremamente utili agli operatori del diritto per inquadrare meglio la natura dell’interesse leso e, conseguentemente, il petitum della domanda. L’ordinanza di rigetto del Tribunale di Cremona infatti, nel ribadire l’indirizzo maggioritario espresso dalla Cassazione in tema di perdita di chances (quale «concreta ed effettiva occasione favorevole di conseguire un determinato bene o risultato, intesa come entità patrimoniale a sé stante, giuridicamente ed economicamente suscettibile di autonoma valutazione, onde la sua perdita configura un danno concreto ed attuale») inaugurato con la ormai nota sentenza n. 4400/2004, ha precisato che i prossimi congiunti del de cuius non sono legittimati ad agire in giudizio per richiedere tale tipologia di danno. I soli legittimati, infatti, sarebbero esclusivamente gli eredi del defunto.

Leggi tutto: Il danno da perdita da chance non spetta ai prossimi congiunti.

 

World Technology Award 2013

22 Novembre 2013 di Lider Lab staff in Ricerca > News in evidenza

 World Technology Award 2013

La Prof.ssa Erica Palmerini ha ricevuto il World Technology Award 2013 per la categoria Law, un premio internazionale assegnato, all’interno di una rosa di finalisti, a quanti si distinguono per contribuire alla crescita e all’innovazione tecnologica in 30 diverse categorie. Il riconoscimento è stato annunciato durante una cerimonia tenutasi a New York il 15 novembre scorso, al termine di una conferenza a cui hanno partecipato i nominati di ogni categoria, chiamati a presentare le loro ricerche e il loro contributo allo sviluppo tecnologico, e numerosi altri delegati. La procedura di individuazione dei candidati avviene tramite il World Technology Network, una comunità composta dai membri selezionati attraverso le precedenti edizioni del premio.

http://www.wtn.net/summit2013/winners.php




 

MOBBING C.D. ORIZZONTALE: LA RESPONSABILITÀ DEL DATORE DI LAVORO “CONSAPEVOLMENTE” INADEMPIENTE

12 Novembre 2013 di Valentina Ceccarelli in Osservatorio sul Danno alla Persona > In evidenza

Cass. 18093/2013

Con ricorso avanti al Giudice del Lavoro del Tribunale di Torino, un lavoratore chiedeva l’annullamento del licenziamento comminatogli a seguito di un procedimento disciplinare, con la conseguente applicazione della tutela reale ex art. 18 St. Lav., oltre al risarcimento del danno biologico, morale ed esistenziale patito a seguito delle continue vessazioni e mortificazioni a cui era stato sottoposto sul luogo di lavoro da parte di un collega suo superiore gerarchico. Tali domande, rigettate in primo grado, venivano accolte dalla Corte di Appello di Torino, la quale, oltre ad annullare il licenziamento de quo e ad ordinare la reintegrazione del lavoratore (con le conseguenze di cui all’18 Stat. Lav. ante riforma), liquidava al ricorrente la somma di cinquemila euro a titolo di danno morale per i comportamenti vessatori che aveva subito e che avevano trovato riconoscimento anche in sede penale.

La Suprema Corte, a conferma della pronuncia d’appello, facendo proprie in gran parte le risultanze probatorie del processo penale nel quale il superiore era stato condannato per maltrattamenti, ha ritenuto che il comportamento del lavoratore, sanzionato con il licenziamento e configuratesi in un “mera minaccia” nei confronti del superiore, doveva essere interpretato e dunque ridimensionato alla luce del “capillare comportamento vessatorio” realizzato nei suoi confronti ed idoneo a lederne l’autocontrollo. In forza di tali elementi appariva sproporzionato ed illegittimo il provvedimento espulsivo emesso dal datore di lavoro. La conclusione della Suprema Corte risulta ancor più pertinente in considerazione della dimostrata consapevolezza da parte del datore del comportamento mobbizzante e costituente reato realizzato all’interno dell’azienda da un suo dipendente. Proprio tale conoscenza costituisce elemento chiave anche per determinare la responsabilità datoriale ai sensi e per gli effetti del combinato disposto degli artt. 2087 e 2049 c.c.

Leggi tutto: MOBBING C.D. ORIZZONTALE: LA RESPONSABILITÀ DEL DATORE DI LAVORO “CONSAPEVOLMENTE” INADEMPIENTE

 

Dal danno esistenziale al “danno dinamico-relazionale”

19 Ottobre 2013 di Alessandra Garibotti in Osservatorio sul Danno alla Persona > In evidenza

Cass. 23147/2013

A pochi giorni dalla pubblicazione della sentenza n. 22585/2013, di cui potete leggere un commento in http://www.lider-lab.sssup.it/lider/it/odp/in-evidenza/445-di-danno-esistenziale-non-e-piu-dato-discorrere-perche-il-biologico-e-sempre-un-danno-conseguenza.html, la Terza sezione civile insiste nell’affermazione della autonoma risarcibilità di pregiudizi consistenti nel peggioramento delle condizioni di vita quotidiane, non riconducibili ad un’autonoma categoria di danno ma ugualmente risarcibili.

Leggi tutto: Dal danno esistenziale al “danno dinamico-relazionale”

 

“Di danno esistenziale non è più dato discorrere” perché il biologico è sempre un danno conseguenza

9 Ottobre 2013 di Tommaso Gasparro in Osservatorio sul Danno alla Persona > In evidenza

La terza sezione della Cassazione civile riafferma, con sentenza n. 22585 del 2013, la sopravvivenza del danno esistenziale.

Leggi tutto: “Di danno esistenziale non è più dato discorrere” perché il biologico è sempre un danno conseguenza

 

Pagina 10 di 39