Prossimi eventi - lab

Nessun evento

Calendario attività

Dicembre 2014
L M M G V S D
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31 1 2 3 4

In evidenza

  • 12.12.14 Osservatorio sul Danno alla Persona >> In evidenza

    L'improvvisa interruzione di fine ottobre del rapporto tra Amtrust, assicuratore dominante del ramo med-mal in Italia, ed il proprio distributore esclusivo, Trust Risk, è di quelle che fanno notizia[1]. Essa può costituire il detonatore per sbloccare un’impasse in questo ramo assicurativo da tempo in sofferenza[2], avviando una riforma.

    Leggi tutto...
  • 12.12.14 Osservatorio sul Danno alla Persona >> In evidenza

    Tribunale di Milano18 novembre 2014, n. 13754 (est. dott. Borrelli)

     

    Poco più di un mese e mezzo fa avevamo dato notizia (http://www.lider-lab.sssup.it/lider/it/odp/in-evidenza/507-legge-balduzzi-il-nuovo-diritto-vivente-della-prima-sezione-del-tribunale-di-milano.html, e http://www.lider-lab.sssup.it/lider/it/odp/in-evidenza/504-2014-10-25-08-48-14.html) del consolidarsi di un nuovo diritto vivente nelle pronunce della Prima Sezione del Tribunale di Milano, che in ben tre sentenze aveva ritenuto di applicare alla lettera il rinvio all'art. 2043 c.c. contenuto nell'art. 3, co. 1, della L.189/2012, riconducendo la responsabilità sanitaria nell'ambito dell'illecito aquiliano, dopo che per quindici anni c'eravamo “abituati” alla teoria del contatto sociale.

    Nella sentenza che qui si commenta, la Quinta Sezione, invece, chiamata a esprimersi su di un caso di ritardo diagnostico di un'infezione oculare, ha preferito continuare nel solco della tradizione.

    Leggi tutto...
  • 06.12.14 Osservatorio sul Danno alla Persona >> In evidenza

    Tribunale di Reggio Emilia, sent. 22 gennaio 2014

    La sentenza in esame si occupa di una vicenda che ha visto coinvolta una cavalla condotta, per sua sventura, ad una fiera.

    Durante le manifestazioni connesse ai festeggiamenti, il suo cavaliere, che non aveva adeguatamente assicurato la propria sella, cade rovinosamente a terra davanti a tutti.

    L’uomo se la prende dunque con l’animale iniziando a percuoterlo con calci e pugni al ventre ed al muso, tenendolo stretto per le briglie in modo da non lasciargli scampo. Il cavallo inizia ad indietreggiare spaventato dalle urla e dalle percosse, scivola nella vicina scarpata e muore.

    Il cavaliere viene accusato del reato di maltrattamenti verso animali e, in sede penale, patteggia.

    Si attiva dunque, sul piano civile, la Lega Anti Vivisezione (L.A.V.) quale soggetto qualificato portatore degli interessi lesi da reati che offendono il sentimento per gli animali, chiedendo al Tribunale di Reggio Emilia il risarcimento del danno non patrimoniale subito per effetto della condotta posta in essere dal crudele cavaliere.

    Il Giudice, riconosciuta la rilevanza penale della condotta, liquida a titolo di danno non patrimoniale a favore della L.A.V., la somma di € 3.000,00. Il danno viene determinato, in via equitativa, tenendo conto, nel bilanciamento degli elementi rilevanti, da un lato, dell'elemento attenuante dato dal maltrattamento e morte di un solo animale, dall'altro, con valenza aggravante, dall'essere avvenuto il fatto in luogo pubblico alla presenza di più persone e dalla risonanza avuta dallo stesso sulla stampa.

    Leggi tutto...
  • 17.11.14 Osservatorio sul Danno alla Persona >> In evidenza

    Tribunale di Firenze, sent. 23 giugno 2014

    Il reato di stalking, previsto e punito all’art. 612 bis c.p., costituisce una delle ipotesi delittuose di maggiore attualità, sia per la sua recente introduzione nel nostro paese (avvenuta ad opera del D.L. 23 febbraio 2009, n. 11) sia e soprattutto per il notevole numero di casi, spesso elevati anche agli onori della cronaca, che lo hanno integrato.

    In disparte gli aspetti più propriamente “penalistici”, ciò che interessa scandagliare, dal punto di vista del civilista attento alle problematiche ricollegate al danno non patrimoniale, è proprio il precipitato che questa ipotesi di reato lascia sul tappeto del danno, con particolare riguardo all’aspetto liquidatorio dello stesso.

    Leggi tutto...
  • 17.11.14 Osservatorio sul Danno alla Persona >> In evidenza

    Trib. Bergamo, sez. lavoro, sent. 6 agosto 2014

    «Mi danno fastidio. Parlano diversamente, si vestono diversamente, si muovono diversamente, è una cosa assolutamente insopportabile. È contro natura».«Non assumerei mai un gay nel mio studio».  Queste alcune delle affermazioni rilasciate il 16 ottobre dello scorso anno dall'Avvocato Carlo Taormina durante la trasmissione radiofonica La Zanzara che gli sono costate una condanna per discriminazioneE' quanto emerge dalla sentenza 6 agosto 2014 della Sezione Lavoro del Tribunale di Bergamo.

    Il caso vedeva l'associazione Avvocatura per i diritti LGBTI Rete Lenford convenire in giudizio, dinanzi al Tribunale di Bergamo, l'avvocato Carlo Taormina, relativamente a dichiarazioni di carattere discriminatorio consistenti nell'avere più volte affermato, nel corso di una intervista radiofonica, di non voler assumere all'interno del proprio studio persone omosessuali.

    Leggi tutto...

PER IL MEDICO IN POSIZIONE APICALE NON VIGE L’IPOTESI LIBERATORIA DEL PRINCIPIO DI AFFIDAMENTO

7 Aprile 2014 di Benedetta Guidi in Osservatorio sul Danno alla Persona > In evidenza

Con la sentenza n. 4985/2014 la Cassazione, in conformità con un orientamento ormai consolidato, esclude l’invocabilità del principio di affidamento quale esimente della responsabilità penale del sanitario con funzione dirigenziale di ex-primario per omessa vigilanza sull’operato dei medici “subalterni”.

«Nessuno può invocare l’esonero da responsabilità confidando che altri provveda a correggere il proprio errore».

 

Leggi tutto: PER IL MEDICO IN POSIZIONE APICALE NON VIGE L’IPOTESI LIBERATORIA DEL PRINCIPIO DI AFFIDAMENTO

 

Summer School 2014

2 Aprile 2014 di Lider Lab web staff in Didattica e conferenze > Aggiornamenti

Click to open poster
Click on the image to download the official poster

Study abroad: International Commercial Dispute Resolution

Location: Scuola Superiore Sant'Anna, Pisa (how to reach

Period: Saturday, May 24 to Saturday, June 7, 2014  

Application Deadline: Friday, April 25, 2014 


The official class schedule is available for download.


Through an intensive two-week course of study, the program aims to introduce students to negotiation and mediation theory and advocacy, with an emphasis on comparative health law and examination of the international setting. Partecipants earn three credits by taking courses taught by Professors Giovanni Comandé and Julian Ku.

This year’s courses are: Introduction to International Commercial Dispute Resolution (two credits) and Alternative Dispute Resolution in an Information Society (one credit).  


The Scuola Superiore Sant'Anna (www.sssup.it) is an autonomous public university located in the heart of the old city of Pisa in the charming Tuscany region of Italy.

For more information, Hofstra students please contact Steven C. Richman, Director of Global Initiatives, at (516) 463-4547 or Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .
Europeans please contact: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , Tel.: +39 050 88 3540, Fax: +39 050 88 3530

Further information is also available at http://law.hofstra.edu/Pisa.

 

Consenso informato: la violazione del principio di autodeterminazione non è un danno-evento

28 Marzo 2014 di Benedetta Guidi in Osservatorio sul Danno alla Persona > In evidenza

Il trib. di Bari con la sentenza del 18 luglio 2013 torna sull’annosa questione del consenso informato e stabilisce che la sola violazione del diritto fondamentale all’autodeterminazione del paziente per mancata informazione dei rischi correlati alla prestazione sanitaria e dei risultati ottenibili, non costituisce di per sé un danno risarcibile, ma è necessario dar prova delle conseguenze pregiudizievoli che ne sono derivate.

Leggi tutto: Consenso informato: la violazione del principio di autodeterminazione non è un danno-evento

 

La tragedia del Cermis ed il risarcimento del danno patrimoniale e non patrimoniale

26 Marzo 2014 di Martina Gerbi in Osservatorio sul Danno alla Persona > In evidenza

Con la sentenza n. 4439 del 25.02.2014, la Corte di Cassazione torna ad occuparsi di danno non patrimoniale.

L'occasione questa volta la fornisce l'epilogo di uno dei processi conseguiti all'incidente occorso nell'ormai lontano 1998, allorché un velivolo di proprietà degli Stati Uniti d'America, decollato dalla base NATO di Aviano, in volo a bassa quota per un'esercitazione, intercettò e tranciò i cavi di una funivia, facendo precipitare una cabina passeggeri e provocando la morte di venti persone.

Infatti, sebbene, in base alla Convenzione tra gli Stati partecipanti al Trattato del Nord Atlantico ratificata dall'Italia con Legge 30.11.1955 n. 1335, fosse stata sottratta alla giurisdizione italiana la decisione in ordine alle responsabilità dell'accaduto, proprio in ossequio alla medesima normativa internazionale, restò in carico allo Stato italiano l'onere di provvedere al risarcimento dei danni cagionati ai terzi.

Nella vicenda giudiziaria che culmina con la sentenza in commento, a formulare la propria richiesta di risarcimento di tutti i pregiudizi patiti per ed in conseguenza del ricordato evento (sia di natura patrimoniale sia di natura non patrimoniale), era stata l'amministrazione di uno dei Comuni sul territorio del quale si era verificato l'incidente.

Questo, infatti, aveva dovuto sostenere degli ingenti esborsi, in conseguenza dei fatti de quo, “per riqualificare il proprio territorio, attraverso la realizzazione di opere idonee a distaccare, nell'immaginario collettivo, il nome del comune dal ricordo della sciagura”.

Leggi tutto: La tragedia del Cermis ed il risarcimento del danno patrimoniale e non patrimoniale

 

La mediazione demandata dal giudice deve essere “effettiva”

25 Marzo 2014 di Elena Occhipinti in Mediazione > Giurisprudenza

Questo lo slogan lanciato dalla sentenza pronunciata Tribunale di Firenze, 19 marzo 2014, la quale, oltre a contenere l’ordine alle parti di adoperarsi per il raggiungimento di un accordo ai sensi del D. Lgs. n. 28/2010, precisa altresì la modalità con cui tale tentativo dovrà essere esperito.

La pronuncia si apprezza particolarmente, poiché essa recupera la vera essenza della procedura conciliativa che, lungi dal ridursi ad un mero orpello formale propedeutico al giudizio, deve invece svolgersi alla presenza personale delle parti le quali, consapevolmente e fattivamente, dovranno cooperare con serietà al tentativo di componimento bonario della controversia che le vede coinvolte.

Leggi tutto: La mediazione demandata dal giudice deve essere “effettiva”

 

Il danno tanatologico al vaglio delle Sezioni Unite

20 Marzo 2014 di Giovanni Pagano e Andrea Parziale in Osservatorio sul Danno alla Persona > In evidenza

Ordinanza n. 5056 del 4 marzo 2014 della Terza Sezione della Corte di Cassazione (Rel. Travaglino).

Con ordinanza n. 5056/2014, la Terza sezione civile della Cassazione torna sulla voluminosa sentenza n. 1361/2014 (in http://www.lider-lab.sssup.it/lider/it/odp/in-evidenza/462-il-danno-esistenziale-qun-caso-ancora-apertoq.html) - che, inter alia, aveva risarcito il danno alla salute chiesto per via ereditaria dai congiunti della vittima, immediatamente deceduta a seguito di un incidente stradale - sollecitando, come immediatamente auspicato dai primi commentatori, un nuovo intervento delle Sezioni Unite sul punto.

Leggi tutto: Il danno tanatologico al vaglio delle Sezioni Unite

 

Pagina 8 di 40