Prossimi eventi - lab

Nessun evento

Calendario attività

Novembre 2014
L M M G V S D
27 28 29 30 31 1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30

In evidenza

  • 17.11.14 Osservatorio sul Danno alla Persona >> In evidenza

    Tribunale di Firenze, sent. 23 giugno 2014

    Il reato di stalking, previsto e punito all’art. 612 bis c.p., costituisce una delle ipotesi delittuose di maggiore attualità, sia per la sua recente introduzione nel nostro paese (avvenuta ad opera del D.L. 23 febbraio 2009, n. 11) sia e soprattutto per il notevole numero di casi, spesso elevati anche agli onori della cronaca, che lo hanno integrato.

    In disparte gli aspetti più propriamente “penalistici”, ciò che interessa scandagliare, dal punto di vista del civilista attento alle problematiche ricollegate al danno non patrimoniale, è proprio il precipitato che questa ipotesi di reato lascia sul tappeto del danno, con particolare riguardo all’aspetto liquidatorio dello stesso.

    Leggi tutto...
  • 17.11.14 Osservatorio sul Danno alla Persona >> In evidenza

    Trib. Bergamo, sez. lavoro, sent. 6 agosto 2014

    «Mi danno fastidio. Parlano diversamente, si vestono diversamente, si muovono diversamente, è una cosa assolutamente insopportabile. È contro natura».«Non assumerei mai un gay nel mio studio».  Queste alcune delle affermazioni rilasciate il 16 ottobre dello scorso anno dall'Avvocato Carlo Taormina durante la trasmissione radiofonica La Zanzara che gli sono costate una condanna per discriminazioneE' quanto emerge dalla sentenza 6 agosto 2014 della Sezione Lavoro del Tribunale di Bergamo.

    Il caso vedeva l'associazione Avvocatura per i diritti LGBTI Rete Lenford convenire in giudizio, dinanzi al Tribunale di Bergamo, l'avvocato Carlo Taormina, relativamente a dichiarazioni di carattere discriminatorio consistenti nell'avere più volte affermato, nel corso di una intervista radiofonica, di non voler assumere all'interno del proprio studio persone omosessuali.

    Leggi tutto...
  • 07.11.14 Osservatorio sul Danno alla Persona >> In evidenza

    Tribunale di Arezzo, sent. 17 giugno 2014

    Una giovane ragazza, dedita all’attività di modella e ai concorsi di bellezza, si sottopone ad un trattamento estetico di depilazione definitiva col metodo della luce pulsata. A seguito di un errore nell’utilizzo dell’apparecchio, la ragazza riporta ustioni di primo grado sull’addome che, a sua detta, le avrebbero impedito di accedere alle selezioni finali di Miss Italia. E’ questo un danno risarcibile?

    Leggi tutto...
  • 03.11.14 Osservatorio sul Danno alla Persona >> In evidenza

    Trib. Milano 10 giugno 2014

     

    Trib. Milano 20 novembre 2013

     

    Trib. Milano 18 agosto 2014

     

    Una innovativa pronuncia del Tribunale di Milano, di cui potete leggere un commento anche in http://www.lider-lab.sssup.it/lider/it/odp/in-evidenza/504-2014-10-25-08-48-14.html, ha fatto uscire dalle riviste giuridiche specializzate il tema della responsabilità medica, facendolo arrivare addirittura sui quotidiani a tiratura nazionale[1].  Ma ciò che in questo articolo si cercherà di dimostrare è che in realtà tale ultima e “popolare” decisione si inserisce in un trend di pronunce emesse da una sola sezione, la Prima, del Tribunale di Milano, le quali sotto due distinti profili hanno ritenuto applicabile alle ipotesi di malpractice medica i precetti contenuti nell’art. 3 della L. 189/2012. 

    Leggi tutto...
  • 30.10.14 Osservatorio sul Danno alla Persona >> In evidenza

    Con sent. 16 ottobre 2014, n. 235, la Corte costituzionale, riuniti i ricorsi proposti da una serie di giudici di merito, afferma la legittimità costituzionale, in relazione agli artt. 2, 3, 24, 32, 76 e 117 Cost., dell’art. 139, d.lgs. 7 settembre 2005, n. 209 (Codice delle assicurazioni private), istitutivo, com’è noto, nel settore dei danni da circolazione di veicoli a motore e natanti, di limitazioni legali al risarcimento del danno alla salute “micropermanente”, cioè per i postumi da lesioni minori o uguali ai 9 punti percentuali d’invalidità (1).

    Leggi tutto...

Può l'accertamento tecnico preventivo essere superato dalla consulenza tecnica d'ufficio?

15 Luglio 2014 di Irene Riccetti in Osservatorio sul Danno alla Persona > In evidenza

Tribunale di Firenze 23 aprile 2014. GI dott. Minniti

Nella sentenza in oggetto il Tribunale di Firenze rigetta la domanda di risarcimento danni da responsabilità medica avanzata da un paziente nei confronti del proprio dentista.

Al di là del merito della vicenda e dell’esito del processo, la sentenza appare di interesse soprattutto perché gli esiti dell’accertamento tecnico preventivo vengono apertamente contraddetti da quelli della consulenza tecnica d’ufficio espletata nel corso del giudizio di merito.

Leggi tutto: Può l'accertamento tecnico preventivo essere superato dalla consulenza tecnica d'ufficio?

 

La liquidazione del danno iatrogeno differenziale

15 Luglio 2014 di Luigia Guerina Avena in Osservatorio sul Danno alla Persona > In evidenza

Tribunale di Firenze 22 maggio 2014. G.I. dott. Minniti

Con la sentenza in commento il Tribunale di Firenze si pronuncia in ordine alla delicata questione dei criteri di liquidazione del danno iatrogeno differenziale, inteso come danno disfunzionale derivante da malpractice medica (sia essa di natura commissiva ovvero, come nel caso di specie, meramente omissiva), che si inserisce in una situazione di già compromessa integrità psicofisica, determinando un incremento differenziale del pregiudizio complessivamente subito dal paziente.

Leggi tutto: La liquidazione del danno iatrogeno differenziale

 

L'impossibilità nell'eseguire la diagnosi esclude la responsabilità del medico

11 Luglio 2014 di Silvia Raffi in Osservatorio sul Danno alla Persona > In evidenza

(Sentenza Tribunale di Firenze 23.04.2014)

Ad impossibilia nemo tenetur...

Il Tribunale di Firenze non ha riconosciuto alcun risarcimento, a nessun titolo, né ex art. 1218 c.c., né ex art. 2043 c.c. in favore dei prossimi congiunti (ed eredi) di soggetto sottoposto, inutilmente, a trattamenti iatrogeni a causa dell'evolversi di una pregressa storia clinica caratterizzata da un ventennio di epigastralgia e dispepsia.

Leggi tutto: L'impossibilità nell'eseguire la diagnosi esclude la responsabilità del medico

 

Niente danno catastrofale se la vittima non percepisce l’approssimarsi imminente della propria morte

10 Luglio 2014 di Francesca Bonaccorsi in Osservatorio sul Danno alla Persona > In evidenza

Con la sentenza n. 13537 del 2014 la Corte di Cassazione torna ad affrontare la complessa e sempre più dinamica tematica dei c.d. danni da morte, soffermandosi in particolare sul danno catastrofale.

Leggi tutto: Niente danno catastrofale se la vittima non percepisce l’approssimarsi imminente della propria morte

 

Quanto vale la morte del fratello consanguineo?

10 Luglio 2014 di Luca Molinari in Osservatorio sul Danno alla Persona > In evidenza

Con la sentenza in commento, il Tribunale di Arezzo si trova ad affrontare la problematica del danno da perdita del rapporto parentale.

In particolare, a seguito di un incidente stradale, veniva chiesto il risarcimento dei danni non patrimoniali in favore dei due fratelli consanguinei della vittima, mentre la compagnia assicuratrice convenuta eccepiva, tra l’altro, che tale risarcimento non fosse dovuto in virtù della mancanza di rapporto affettivo e di conoscenza intercorrente tra il de cuius e i fratelli.

Il Giudice, nella sentenza in commento, argomentando alla luce della particolare intensità del rapporto di fratellanza, ancorché unilaterale da parte di padre, ha ritenuto di non applicare il principio stabilito dalla sentenza della Corte di Cassazione sez. 3^ civ. 16.3.2012 n. 4253, prescindendo ai fini risarcitori dal requisito della convivenza.

Leggi tutto: Quanto vale la morte del fratello consanguineo?

 

Differenza di premio sì, danno morale no dopo il declassamento Rc auto deciso dall’assicurazione.

9 Luglio 2014 di Ottavia Pizzo in Osservatorio sul Danno alla Persona > In evidenza

Corte di Cassazione, sez. III Civile, sentenza n. 13670/14 emessa il 23 aprile 2014, depositata il 16 giugno 2014.         

 

Nonostante l’ingiusta “retrocessione”, non si configura anche un danno non patrimoniale per il guidatore che ha difficoltà a stipulare una polizza a causa dell’attestato di rischio imbarazzante. Così ha statuito la Corte di Cassazione nel bizzarro ricorso in commento che vede come leitmotiv la richiesta di danni morali fondata sulla circostanza che molte Compagnie di Assicurazione si erano rifiutate di stipulare un contratto con un soggetto assegnato alla 18ma classe di merito.

Leggi tutto: Differenza di premio sì, danno morale no dopo il declassamento Rc auto deciso dall’assicurazione.

 

Pagina 5 di 40